24

Apr 2018

RISANAMENTO TUBAZIONI CON IL RELINING, L’INTERVENTO A IMPATTO ZERO

Il risanamento delle tubazioni effettuato con il metodo del relining è il sistema meno impattante sotto ogni punto di vista: non è invasivo, non è inquinante e ripristina in poco tempo condizioni vivibili negli ambienti vicini al tubo danneggiato. Vediamo perché.



Effettuare il risanamento delle tubazioni con il metodo del relining è una scelta a impatto zero sotto molti punti di vista.

Il relining infatti:

  • Sfrutta un composto plastico riciclabile al 100% e privo di Bisfenolo A
  • Non produce né polveri né macerie, eliminando la necessità di smaltimento in discarica
  • Ristabilisce il benessere abitativo di chi vive o lavora in prossimità del tubo ammalorato
  • Non interferisce con le normali attività quotidiane svolte in quei locali.

Ma come avviene, nel dettaglio, un intervento di risanamento tubazioni?

Le 4 fasi del risanamento delle tubazioni con Tubus System

Un intervento di relining si svolge in 4 fasi:

  1. Videoispezione iniziale
  2. Pulizia
  3. Applicazione del composto plastico
  4. Videoispezione di controllo.

Come prima cosa, è necessario verificare il grado di usura dei tubi di scarico oppure individuare la perdita di acqua: con telecamere endoscopiche, inserite nei tubi accedendo dai torrini corrispondenti, effettuiamo quindi la prima videoispezione. Segue la fase di pulizia: con appositi macchinari, rimuoviamo detriti e altri residui che incrostano le pareti interne delle tubazioni di scarico.

Una volta completata la pulizia, iniziamo il relining vero e proprio: il composto plastico viene spruzzato lungo tutta la superficie interna del tubo, e poi lasciato solidificare finché si costituisce il nuovo tubo autoportante.

Un controllo qualità conclude l’intervento: tramite videoispezione, verifichiamo l’esito dell’operazione di relining. Il filmato registrato viene quindi inviato alla casa madre di Tubus System e analizzato. Se supera il test di qualità, viene consegnato al cliente finale, accompagnato dalla relativa certificazione e da una garanzia funzionale di 10 anni.



5 motivi per cui il relining è un intervento a impatto zero

Grazie alle procedure e ai macchinari brevettati, il relining si configura un intervento assolutamente non impattante. L’espressione “impatto zero” riassume diverse sfumature di significato: il fatto che il relining rispetti l’ambiente, ma anche il ripristino di condizioni di benessere per l’uomo.

Infatti, il risanamento delle tubazioni condotto da Tubus System:

  • Si basa sull’utilizzo di poliestere rinforzato, un composto plastico che, una volta concluso il suo ciclo di vita, può essere interamente riciclato. Non solo, è anche privo di Bisfenolo A, ritenuto responsabile di alcune diffuse patologie.
  • Non produce macerie né polvere, perché non comporta la demolizione di alcuna parete. Tutte le fasi di intervento si svolgono dall’interno delle tubazioni, senza accumulo di rifiuti difficilmente smaltibili: l’impatto ambientale è così azzerato.
  • Ripristina in breve tempo condizioni di vita confortevoli, ristabilendo il benessere abitativo di chi vive o lavora in prossimità delle tubazioni danneggiate. Niente umidità, niente proliferazione di funghi, muffe o batteri.
  • Non interferisce con le attività quotidiane svolte negli edifici interessati. Nessun via vai di tecnici; nessun macchinario ingombrante all’interno dei locali; nessun rumore assordante, perché l’intervento è silenzioso e rapido.



Vuoi saperne di più sui vantaggi del risanamento delle tubazioni?

Contattaci senza impegno.

Indietro

Richiedi informazioni

Questo sito utilizza cookies, continuando l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.