Dove vanno a finire i rifiuti speciali?

Cosa sono i rifiuti speciali? Come vengono gestiti? Abbiamo letto il rapporto ISPRA e ne riportiamo qui alcuni dati: la conclusione è decisamente interessante.

Il rapporto ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), giunto nel 2019 alla sua diciottesima edizione, ci offre una panoramica dettagliata sullo stato della produzione e gestione dei rifiuti speciali (pericolosi e non), a livello nazionale e regionale.

I dati raccolti si riferiscono all’anno 2017: ecco il quadro che ne risulta.

 

Cosa sono i rifiuti speciali?

Innanzitutto, diamo una definizione di rifiuti speciali. Speciali sono i rifiuti prodotti da industrie e aziende che non vengono gestiti dalla pubblica amministrazione, sulla base di contributi fiscali, ma da un sistema di aziende private, disseminate sul territorio nazionale.

I rifiuti speciali sono di due tipi:

  • pericolosi – rifiuti inquinanti, come amianto, lana di roccia, vernici, medicinali scaduti, pile esaurite, oli esausti, ecc.
  • non pericolosi.

 
Quanti rifiuti speciali produciamo?

Secondo i dati raccolti dal Centro Nazionale dei Rifiuti e dell’Economia Circolare dell’ISPRA, nel 2017 la produzione nazionale dei rifiuti speciali è stata di 138,9 milioni di tonnellate. Tanti? Pochi? Decisamente troppi.

Di questi centotrentotto milioni di tonnellate, 9,7 milioni erano rifiuti speciali pericolosi, mentre i rifiuti non pericolosi erano pari a circa il 43,6% del totale.

 

La produzione aumenta o diminuisce negli anni?

Il trend, ahinoi, non è positivo: tra il 2016 e il 2017 si è registrato un aumento nella produzione totale di rifiuti speciali del 2,9% (pari a circa 4 milioni di tonnellate). Di positivo c’è che l’incremento è quasi del tutto imputabile ai rifiuti non pericolosi, e in particolare a quelli da operazioni di costruzione e demolizione, che aumentano del 4,9% (oltre 2,6 milioni di tonnellate).

 

Come vengono gestiti i rifiuti speciali?

Abbiamo detto che i rifiuti speciali non vengono gestiti dalla P.A. ma da aziende private: come si comportano queste aziende private?

Secondo l’ISPRA, i dati sulla gestione dei rifiuti sono incoraggianti:

  • la maggior parte dei rifiuti speciali vengono gestiti tramite operazioni di recupero materia (67,4%)
  • al secondo posto, come soluzione più adottata, troviamo la messa in riserva
  • al terzo posti, invece, lo smaltimento in discarica.

 

La gestione è buona, ma bisogna insistere

Il fatto che lo smaltimento in discarica sia il metodo di gestione meno diffuso è sicuramente un bene. È importante insistere affinché vi sia una riduzione drastica della loro produzione ma, laddove non si possa ridurre, il recupero della materia è la via da percorrere.

Il metodo di Tubus System soddisfa entrambi i punti:

  • da un lato, evitiamo la produzione di rifiuti speciali non pericolosi – non demoliamo le pareti degli edifici, non rimuoviamo i tubi vecchi ma, anzi, diamo nuova vita ai tubi vecchi – e pericolosi – risaniamo anche le tubazioni in amianto;
  • dall’altro, facciamo in modo che il problema non si ripresenti nel futuro: i nuovi tubi sono realizzati con un composto plastico che, una volta giunto a fine vita, è riciclabile al 100%.

 

Vuoi maggiori informazioni sul relining di Tubus System?

CONTATTACI


Tubus System per ATC Torino

Scopri il più grande intervento di risanamento di tubi in amianto mai fatto in Italia.

 

 

Indietro
Questo sito utilizza cookies, continuando l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.