PLUVIALE CONDOMINIALE: COME RISANARLO SENZA ROMPERE IL MURO?

PLUVIALE CONDOMINIALE: COME RISANARLO SENZA ROMPERE IL MURO?

Se il pluviale condominiale è datato e in cattive condizioni o, peggio, è rotto, il metodo migliore per risolvere il problema è il risanamento non distruttivo.

Il pluviale condominiale, la tubazione che raccoglie le acque meteoriche dal tetto (o dalla terrazza) di un edificio verso terra, deve essere sempre in ottimo stato per evitare danni agli appartamenti.

Di norma, è il proprietario del pluviale, e quindi il condominio, a doversi occupare della sua manutenzione: il pluviale è una delle cosiddette “parti comuni” perciò la manutenzione è responsabilità di tutti gli inquilini e dell’amministratore.

Ma come si può risanare un pluviale condominiale danneggiato? Il metodo più efficace è il risanamento non distruttivo.

 

Possibili danni al pluviale condominiale

Il pluviale condominiale può essere danneggiato da cause differenti:

          • L’accumulo di materiale di qualsiasi natura al suo interno (per esempio: fogliame o altri detriti, organici o inorganici) può provocare una sua parziale o completa occlusione;
          • Può rompersi perché usurato o a causa di un agente esterno (rami, ecc.).

In caso di forti piogge, il pluviale occluso provoca allagamenti e disagio per i condomìni, con fenomeni di corrosione progressiva della tubazione. Le perdite di acqua portano alla formazione di infiltrazioni e muffe, anche all’interno dei singoli appartamenti.

Come sistemare un pluviale condominiale danneggiato senza demolire e ricostruire l’intera struttura? Come comportarsi se il pluviale è incassato nella muratura? Gli interventi che prevedono la sostituzione tradizionale sono lunghi, onerosi e particolarmente fastidiosi per tutti gli inquilini del condominio a causa di demolizioni, polvere e rumore.

 

Con il relining puoi risanare il pluviale condominiale senza demolizioni

Tubus System si occupa specificatamente di questo genere di intervento non invasivo – il relining -  che consiste nel realizzare un nuovo tubo all’interno di quello danneggiato.

La procedura si sviluppa così:

      • Viene eseguita la videoispezione del pluviale condominiale per analizzarne i danni e quantificarne la gravità.
      • Poi, si procede con la pulizia delle superfici interne del pluviale, in modo da rimuovere definitivamente tutti i detriti che si sono depositati nel tempo.

      • Si effettua il relining vero e proprio, ossia viene spruzzato all’interno del tubo un composto che, solidificandosi, forma un nuovo tubo autoportante.

    • Si conclude con una videoispezione di controllo, che verifica la perfetta riuscita dell’intervento

    I vantaggi sono evidenti: non è necessario demolire, quindi non si arreca danno a nessuno degli appartamenti; non c’è via vai di uomini e macchinari all’interno dei singoli appartamenti; le operazioni durano pochi giorni e non si producono né macerie né frastuono; Il pluviale è al sicuro per decine di anni a venire.

    Il nuovo tubo, infatti, è garantito 10 anni e ha una aspettativa di vita certificata di almeno 50 anni.

     

    Vuoi maggiori informazioni sul relining del pluviale condominiale? Contattaci!

     

    Indietro

    Richiedi informazioni

    Questo sito utilizza cookies, continuando l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.